Accendi il Borgo

11 Novembre 2021

Santa Maria in Cerulis

Alla scoperta dell’architettura chiesastica abruzzese: Santa Maria in Cerulis.

Tra le suggestive scenografie che offre il paesaggio della piana di Navelli, non si può non notare la piccola chiesa rurale di Santa Maria in Cerulis. La storia di questa struttura affonda le sue origini nell’epoca dell’Impero romano poiché costruita su di un antico sito di culto pagano, arricchito di tracce longobarde. L’edificio, lavoro finale di artisti sconosciuti ed adibito al riposo per i pastori erranti durante la transumanza, regala agli occhi dei visitatori un’immagine di meraviglia dedicata a Dio.

La struttura s’impone sulla nuda vallata con autorevolezza, perfettamente integrata con il contesto naturale della zona. Durante i secoli, l’edificio ha subito radicali trasformazioni a causa dei molteplici eventi sismici verificatesi nella provincia aquilana e che hanno comportato molteplici modifiche strutturali come l’eliminazione del portico a protezione dell’ingresso principale che fu spostato sul fianco Est della chiesa. L’aspetto decorativo interno è composto da affreschi e decorazioni, in linea con lo stile ‘scarno’ dell’architettura. Protagonista indiscussa appare la figura della Sacra Vergine, rappresentata in tutte la sue sfaccettature di donna e di madre. Nelle raffigurazioni si susseguono una serie d’immagini che raccontano la vita di Maria: nell’altare principale è posta la santa Vergine con il bambino tra le braccia e in una nicchia semicircolare in basso è rappresentato il momento dell’Annunciazione. La chiesa è anche ricca di raffigurazioni simboliche risalenti al periodo delle crociate e riconducibili all’ordine dei Cavalieri Templari : uno schizzo a carboncino richiama l’immagine di un templare, croci templari sono presenti anche nell’ambiente absidale e, infine, un bassorilievo rappresenta una nave  immersa in una tempesta con incisa una scritta “in medio mari portum teneo”. Incerto è il significato di un bassorilievo inciso su una monofora che rappresenta un immagine maschile accompagnata da una scritta

Recandosi nella parte nascosta dell’abside possiamo ammirare il luogo più emozionante della basilica che presenta degli inaspettati affreschi raffiguranti un’ignota figura femminile accompagnata da santi.
Volgendo lo sguardo sulla pavimentazione al centro della navata, scorgiamo una botola dalla quale si accede ad un ambiente ipogeo. Si tratta di un ossario atipico, nella quale potevano essere sepolti non solo la gente del luogo, ma anche i forestieri. Negli  anni duemila sono state rinvenute quaranta mummie risalenti al periodo medievale. L’aurea di misticismo e di mistero che circonda Santa Maria in Cerulis fa si che  essa si erga ad essere una delle protagoniste di un scenario simil ad una cartolina, in cui la struttura contenuta della chiesa appare immersa in un contesto incontaminato ricco di natura e storia.

 

Santa Maria in Cerulis

Ultimi articoli

Avvisi 26 Novembre 2021

Fondo Nazionale per la non autosufficienza – Annualità 2020.

Avviso pubblico per interventi a favore di persone in condizione di disabilità gravissima, SLA e non autosufficienza grave, a valere sulle risorse stanziate dal fondo nazionale per la non autosufficienza anno 2020.

Emergenza COVID-19 - Aggiornamenti... 25 Novembre 2021

Vaccinazioni DICEMBRE 2021

SCADENZA DOMANDE 6 Dicembre 2021 IL COMUNE DI NAVELLI STA ORGANIZZANDO UNA CAMPAGNA VACCINALE PER IL COVID-19  PER LA SOMMINISTRAZIONE SIA DELLA 3^ CHE PER LA  1^ E 2^ DOSE.

Avvisi 18 Novembre 2021

NAVELLI NELLA PIATTAFORMA ONLINE ANPR

DAL 15 NOVEMBRE CERTIFICATI ANAGRAFICI ONLINE E GRATUITI PER L’INTERA CITTADINANZA Dal 15 novembre, Navelli è tra i comuni in cui da subito è possibile utilizzare la nuova piattaforma ministeriale per la semplificazione e digitalizzazione dei servizi demografici.

torna all'inizio del contenuto