Ingressi in Abruzzo

Dal 1 luglio, è consentito l’ingresso nel territorio nazionale di cittadini di stati terzi residenti nei seguenti stati e terriotori: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Repubblica di Corea, Tailandia, Tunisia Uruguai.

Il rientro da Stati e territori diversi da quelli sopra elencati è consentito solo per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza, per motivi di salute, per comprovate ragioni di studio o in caso di rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Tutte le persone che tornano in Italia da tali Stati e territori, compresi, dal 1 luglio, i cittadini di stati terzi residenti negli stati e territori elencati, anche se asintomatiche, sono obbligate a sottoporsi a sorveglianza sanitaria e all’isolamento fiduciario per un periodo di 14 giorni.

Chi entra in Abruzzo dall’estero deve comunicare il proprio ingresso compilando il modulo online e/o utilizzando il numero verde regionale 800 595 459

 

Consulta l’articolo sul sito della Regione Abruzzo

http://www.regione.abruzzo.it/content/come-segnalare-il-proprio-ingresso-abruzzo

Ingressi in Abruzzo

Ultimi articoli

Avvisi 3 Agosto 2020

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 77 DEL 31 LUGLIO 2020

Ulteriori misure per la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019: Disposizioni in materia di trasporto pubblico per le persone che fanno ingresso in Abruzzo dalla Bulgaria e Romania.

Accendi il Borgo 1 Agosto 2020

Estate Navellese

Calendario eventi estivi a Navelli

Elettorale 1 Agosto 2020

REFERENDUM COSTITUZIONALE DEL 20 E 21 SETTEMBRE 2020 – OPZIONE DEGLI ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL’ESTERO

È possibile esercitare il diritto di voto per gli elettori che si trovano temporaneamente all’estero per motivi di studio, lavoro, ecc… tramite l’allegato modello.

Emergenza COVID-19 - Aggiornamenti... 27 Luglio 2020

Guida Superbonus 110%

NOVITÀ IN MATERIA DI DETRAZIONI PER INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO, SISMA BONUS, FOTOVOLTAICO E COLONNINE DI RICARICA DI VEICOLI ELETTRICI Il Decreto Rilancio 1, nell’ambito delle misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, ha incrementato al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, a fronte di specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi di riduzione del rischio sismico, di installazione di impianti fotovoltaici nonché delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici (cd.

torna all'inizio del contenuto